Breadcrumb Breadcrumb

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

22 novembre 2018

Bando regionale per la coesione sociale, disponibile la graduatoria dei progetti di volontariato vincitori

FIRENZE - È disponibile la graduatoria dei progetti ammessi e finanziati dall’avviso pubblico del 20 agosto 2018. Sono stati oltre 30 i soggetti pubblici tra comuni, società della salute, unioni di comuni e province che hanno avuto accesso ai finanziamenti messi a disposizione dall’avviso, finalizzato a sostenere i progetti che attraverso attività di volontariato si dedicassero all’inclusione di richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale nelle comunità ospitanti.

Con il decreto n.16112 del 10 ottobre 2018, l’avviso ha designato i progetti di coesione sociale aggiudicatari, impegnando fondi regionali per un totale di 236.819,36 euro.

Attraverso il nuovo bando, Regione Toscana mette di nuovo al centro quei progetti che sono stati sviluppati in stretta collaborazione con enti locali, strutture di accoglienza e altri enti pubblici territoriali, e che offrono occasioni di formazione e acquisizione di competenze tecniche o trasversali spendibili al di fuori delle attività stesse.

Nell’assegnazione delle risorse di quest’anno si è premiata per la prima volta la presenza di mediatori interculturali, la definizione di modalità di co-progettazione alla presenza dei richiedenti asilo, e l’adozione di un target ampio che includa la comunità locale nelle attività.

Tra i progetti vincitori figurano ad esempio corsi di cucina internazionale, un laboratorio teatrale multilingue per studenti delle scuole secondarie e richiedenti asilo, la pubblicazione e distribuzione di una raccolta di testimonianze scritte dagli ospiti delle strutture di accoglienza con il supporto di un mediatore interculturale, e l’inaugurazione della nuova stagione calcistica di una squadra composta da beneficiari di protezione internazionale e membri di una società sportiva locale. O ancora un innovativo progetto di orientamento professionale, che estende agli ospiti di CAS e SPRAR le buone pratiche già in atto per i cittadini appartenenti ad altre fasce più deboli come i disoccupati, i NEET, gli over 50 e i disabili.

"Fin da subito abbiamo creduto al fatto che non è giusto che le persone accolte non abbiano un impegno” aveva spiegato lo scorso settembre in conferenza stampa Vittorio Bugli, assessore alla presidenza e all’immigrazione della Regione Toscana, “e non è giusto soprattutto per loro. Le attività di volontariato sono particolarmente importanti, perché danno modo a chi viene ospitato di inserirsi nel luogo, di strutturare relazioni e di offrire servizi, con un ritorno economico e sociale importante per tutti. Non è questione di ‘sdebitarsi’, ma di creare legami sociali, sconfiggere la paura, e in definitiva rafforzare tutta la comunità".

Come già negli anni passati, il nuovo Avviso gode quindi di uno sguardo ampio che va oltre l’accoglienza immediata e considera l’immigrazione un fenomeno strutturale, riguardante non numeri ma persone che sono valorizzate e riconosciute in tutta la loro complessità. Un piano d’intervento che supera le logiche assistenzialiste e che vuole configurarsi come una doppia opportunità per i nuovi e i vecchi abitanti di una Toscana che cambia, mettendo al centro associazionismo e volontariato per crescere, conoscersi e scoprirsi protagonisti.

In particolare, per l’anno 2018 sono stati ammessi al finanziamento i comuni di Figline e Incisa Valdarno (FI), Capannori (LU), Civitella in Val di Chiana (AR), Cortona (AR), Massarosa (LU), Riparbella (PI), Santa Luce (PI), Rosignano Marittimo (LI), Pontassieve (FI), Camaiore (LU), Monte San Savino, (AR), Vecchiano (PI), Guardistallo (PI), Prato, Ponsacco (PI), Montemignaio (AR), Piombino (LU) e il comune di Lucca, che ha presentato ben 5 progetti. Tra gli assegnatari anche Unione Valdera e Unione dei comuni montani del Casentino, la provincia di Livorno, e le società della salute delle zone Empolese Valdarno Valdelsa, Valdinievole, Senese e Pisana.

Accedi al testo del decreto n. 16112 cliccando qui.

Per accedere alle schede di sintesi dei progetti approvati clicca qui.
Leggi il verbale della commissione a questo link, e la Tabella delle liquidazioni a questo link.

 

(In collaborazione con Toscana Notizie - Agenzia di informazione della giunta regionale)

Condividi