Breadcrumb Breadcrumb

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

18 ottobre 2018

L'editoriale

Dal 2014 la Toscana ha segnato il passo sulle politiche di accoglienza: con il modello dell’accoglienza diffusa abbiamo proposto e attuato un modo diverso di accogliere, capace di incoraggiare l’integrazione e preservare la coesione sociale sui territori. Dopo tre anni abbiamo deciso di qualificare ulteriormente il sistema, così è nato il Libro Bianco sulle politiche di accoglienza dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale o umanitaria, un documento con il quale, grazie al contributo di tutto il sistema dell’accoglienza, dai comuni ai soggetti gestori, dalle associazioni, alle Università, abbiamo voluto provare a ipotizzare linee di governo locale del fenomeno che potessero limitare la difficoltà imposta dalle modalità di accoglienza adottata dal nostro Paese.

Siamo partiti dalla presa d'atto del fenomeno migratorio come fenomeno strutturale e dal considerare i richiedenti asilo delle persone, e quindi portatrici anche di opportunità e non solo di problemi. Con quel documento abbiamo individuato obiettivi e azioni che hanno orientato l’attività del governo regionale dell’ultimo anno su questo tema e che vogliamo continuare a farlo nel futuro. Di questa attività vogliamo dare conto con questa newsletter e ne vogliamo dare conto proprio ora, proprio in questo momento in cui è stato reso pubblico lo schema di decreto legge Immigrazione e Sicurezza. A fronte di un intervento legislativo che nega l’inclusione come principio e che rifiuta l’immigrazione come valore per una società che cambia, noi rivendichiamo con orgoglio un modello diverso che si esprime in azioni di governo e in buone pratiche diffuse sul territorio.

Un modello che non nega i problemi e le difficoltà ma che ha l’ambizione di governarli, non di rimuoverli. Un modello basato su principi solidi a cui non rinunciamo e che, anche attraverso il racconto di quello che si sta facendo, vogliamo riaffermare con forza.

 

Vittorio Bugli - Assessore Immigrazione Regione Toscana

(In collaborazione con Toscana Notizie - Agenzia di informazione della giunta regionale)

Condividi